prevenzione.Zero

Correre e camminare: i benefici per l’intestino

Che l’attività fisica sia un toccasana per le condizioni psicofisiche è ormai un dato di fatto. Ogni sport ha i suoi vantaggi e agisce su specifiche parti del corpo, diffondendo un benessere generale. Sapevate ad esempio che la corsa, ma anche la camminata veloce, sono ottime per l’intestino? Ebbene sì! Non solo per dimagrire, non solo per rilassare la mente dallo stress, ma anche per ripristinare il proprio equilibrio intestinale.

La corsa e la camminata infatti sono indicate per agevolare la mobilità intestinale e combattere la stipsi, soprattutto se affiancate da un’alimentazione corretta e, naturalmente, da una buona idratazione. Muoversi fa sudare e sudare significa che il vostro corpo sta perdendo liquidi, fondamentali per contrastare la stitichezza. Portate sempre con voi una bottiglia d’acqua e bevete non appena sentite che cominciate a sudare!

Correre non vi piace proprio? Allora, camminate! Come già detto, le due attività sono da considerarsi abbastanza simili eppure diversi studi affermano che, sul lungo periodo, la camminata sia addirittura meglio della corsa. Inoltre, la camminata è adatta a persone di tutte le età. Camminare è un movimento semplice e al tempo stesso estremamente complesso, perché coinvolge tutto il corpo: le gambe, le spalle, le braccia, la colonna vertebrale e, naturalmente, l’intestino, che recupererà la sua mobilità in caso di stitichezza.

Cosa aspettate? Recuperate un paio di scarpe adeguate, una borraccia d’acqua fresca e iniziate a camminare per ritrovare (o preservare) il vostro equilibrio.